NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata
Detti latini

Detti latini

Nel passato conoscere le risposte era prerogativa di Saggi e Iniziati, rigorosamente vincolati al segreto, eppure esiste un filo d'oro che collega tutte le civiltà e che ha permesso di portare fino ai tempi attuali gli insegnamenti dell'antica Saggezza, che comprendono le risposte alle domande primordiali che ogni uomo che comincia a sollevarsi dalla massa bruta, si pone nel suo intimo più profondo: chi siamo? da dove veniamo? dove andiamo?

Intere scuole di filosofia hanno tentato, e ancora lo fanno, di proporre risposte, varie e articolate come le differenze di carattere degli uomini, noi tenteremo di trasmetterle in questa rubrica.

Marco Porcio Catone

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpant alios: nemo sine crimine vivit

Analisi del testo

Se osservi la vita degli uomini, se osservi i loro costumi, quando incolpano altri: nessuno vive senza commettere colpe

Locuzione presente ne "Disticha Catonis". Antico proverbio popolare usato tutt'oggi come motto da molti avvocati e presente sulla parte superiore di una delle finestre del primo piano di una delle case (Corso 22) che si affacciano sulla piazza della Risoluzione a Fiume in Croazia. Persino Sant'Agostino disse "Nessuno vive quaggiù senza peccato", come dire che ognuno ha i suoi difetti.

Marco Porcio Catone

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Amicum secreto admone, palam lauda

Analisi del testo

Ammonisci l'amico in segreto ma lodalo pubblicamente

Un detto latino molto diffuso, quindi considerato importante, attribuito di volta in volta a Seneca o a Publilio Siro (molto probabilmente in maniera erronea), sembra invece essere opera di uno pseudo-Seneca. È giunta a noi in diverse varianti (Amicos secreto admone, palam lauda oppure Secreto admone amicos, palam lauda). In Philologus, 1844, pagina 684 la locuzione, peraltro, viene attribuita a Catone, Sentent.
Questo proverbio introduce al rispetto, in questo caso rivolto agli amici. Un vero amico non biasima né fa fare brutta figura in pubblico, ma con delicatezza e discrezione a parte ammonisce. Al contrario, in caso di apprezzamenti, lo fa pubblicamente e platealmente. Questo impone il rispetto.

Marco Porcio Catone

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Laevius laedit quidquid praevidimus ante

Analisi del testo

Ferisce più lievemente ciò che prima abbiamo previsto

Locuzione presente ne "Disticha Catonis, 2, 24, 2".
Quando siamo preparati all'evento negativo lo affrontiamo più consapevolmente. Questo proverbio si rivolge più verso noi stessi invece che verso gli atri come per i proverbi odierni in italiano: "Uomo avvisato è mezzo salvato", "Uomo avvertito è mezzo munito". Anche perché tendiamo ad ignorare gli avvertimenti degli altri mentre tendamo ad ascoltare di più la nostra esperienza soprattutto per quanto riguarda il dolore e le delusioni.

Marco Porcio Catone

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Doctrina est fructus dulcis radicis amarae

Analisi del testo

L'erudizione è il dolce frutto di una radice amara

Locuzione presente nella Distica Catonis, Appendix, 40. Il detto rivela che l'apprendimento e la cultura richiedono fatica ma che questa sarà ricompensata perché darà buoni frutti in futuro.

Marco Porcio Catone

busto in marmo del persoaggio naso acquilino pochi capelliScrittore, politico e generale - vedi scheda...
(234 avanti Cristo - 149 avanti Cristo)

Versione latino

Melius acerbos inimicos mereri, quam eos amicos, qui dulces videantur: illos verum saepe dicere, hos numquam

Analisi del testo

È meglio avere degli acerrimi nemici, piuttosto che amici ruffiani: i primi spesso dicono il vero, i secondi mai

Locuzione nel De amicitia, 24, 90.
A volte si cosiderano amici persone che alimenano il nostro sentimento per fini personali, oppure non si riconosce gli ipocriti, quelli cioè che simulano i sentimenti.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi52
Ieri1024
Settimana Scorsa6947
Mese Scorso29335
Da Gennaio 20151549882

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out