NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

#Barzellette, #xAdulti: lo chiamavano trivella instancabile

Scritto da  Armando Testi
Vota questo articolo
(0 Voti)

donna stupita

Un contadino vive poveramente in una casa di campagna con sua moglie, tre figli e una giovane vacca

Una mattina si alza come tutti i giorni all’alba, va nella stalla per mungere e trova la vacca morta stecchita. In preda alla disperazione (la vacca è la sua unica fonte di sostentamento) il cuore non gli regge e muore in pochi minuti.
Dopo qualche ora anche la moglie si alza e non trovando il marito lo cerca nella stalla dove fa la macabra scoperta. Per la disperazione anche lei muore di crepacuore a fianco del marito.
Dopo qualche ora anche il figlio più grande si alza e arrivato nella stalla trova la vacca il padre e la madre morti. Sconvolto, si dirige verso il fiume vicino e si butta nel tentativo di annegare. All’improvviso dalle acque esce una donna stupenda, dalle forme molto provocanti e mezza nuda che gli dice: "sono la fata delle acque, conosco il tuo dramma e ti posso dare una possibilità: se mi possiederai almeno 5 volte di seguito farò tornare in vita la vacca e i tuoi genitori". Il ragazzo naturalmente accetta, ma dopo 4 volte furibonde alla quinta crolla in un sonno profondo. La fata a malincuore lo condanna a morte facendolo annegare nel fiume.
Nel frattempo anche il secondo figlio del contadino si alza e anche lui trova nella stalla la vacca e i genitori morti. Anche lui per la disperazione decide di annegarsi nel fiume. Fa giusto a tempo a vedere il corpo del fratello che viene portato dalla corrente che vede la fata che fa la sua proposta anche a lui: “se mi possiederai almeno 10 volte di seguito farò resuscitare tuo fratello, i tuoi genitori e la vacca”. Anche il secondogenito accetta, ma arrivato alla nona volta crolla sfinito in un sonno profondo. La fata lascia annegare anche lui.
Poco dopo anche l’ultimo figlio del contadino si alza arriva nella stalla fa la macabra scoperta. In preda ai sensi di colpa si dirige verso il fiume e si butta nel tentativo di annegare. Scorge sulla riva i corpi dei suoi due fratelli e ancora una volta la fata delle acque lo blocca in estremis e gli fa la solita proposta: "se mi possiederai 20 volte farò resuscitare i tuoi due fratelli, i tuoi genitori e la vacca". Il giovanotto accetta spavaldamente ma per tutto il tempo è molto pensieroso. Dopo 19 volte il giovane si ferma e rivolgendosi alla fata le chiede: “scusa un momento, non è che alla ventesima mi schioppi come la vacca?”.

Letto 6973 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi34
Ieri791
Settimana Scorsa6592
Mese Scorso26774
Da Gennaio 20151402416

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out